Costruttori: "W" come Wilier

Wilier affonda le sue radici nella storia ed è sicuramente uno dei marchi più apprezzati nel panorama mondiale, l'azienda viene fondata a Bassano Del Grappa agli inizi del novecento da Pietro Dal Molin, questo ne fa uno dei produttori italiani di biciclette in attività ai giorni nostri più longevi.

Storia della bicicletta ma anche storia dell'Italia intera, in particolare la storia bellica, l'azienda nata come Ciclomeccanica Dal Molin aquista poi il marchio inglese Wilier e durante la prima guerra mondiale è fornitore dei reparti di Bersaglieri. A Pietro dopo la guerra succede il figlio Mario ed è in questo periodo che appare il colore ramato, caratteristico delle biciclette Wilier quanto il marchio stesso.

Wilier has its roots in history and is certainly one of the most appreciated Italian bicycle brands in the world, the company is founded in Bassano Del Grappa at the beginning of the twentieth century by Pietro Dal Molin, this makes it one of the long-lived manufacturer.

History of the bicycle but also history of the whole Italy, in particular the war history, the company born as Ciclomeccanica Dal Molin then acquires the English brand Wilier and during the First World War it is supplier of the Bersaglieri departments. After the war Wilier goes to Pietro's son Mario, and it was during this period that the coppery color, so characteristic of Wilier's bikes, appears.

Nel 1945 gli stabilimenti subiscono un bombardamento aereo che li danneggia ma la fine delle ostilità era vicina e Wilier era pronta a ripartire, nei suoi reparti si svolgevano tutte le fasi della lavorazione, dalla saldatura dei tubi in acciaio dei telai alla verniciatura, sino al montaggio di tutti i componenti. In un’Italia libera dalla guerra ma con ancora gli strascichi del conflitto il ciclismo divenne in breve tempo mito con le imprese di Coppi e Bartali.

Nella seconda metà degli anni quaranta la Wilier partecipa alle corse con una propria squadra, la sposnsorizzazione di squadre ciclistiche da parte di produttori di biciclette era già iniziata con Bianchi, Atala e Legnano. Mario Dal Molin decise anch'esso di seguire questa strada con la collaborazione con il Veloce Cub Bassano squadra sportiva nata nel 1892 prima e poi, nel 1946, con una squadra propria, compare nel ciclismo dei professionisti infatti in quell'anno una squadra Wilier: maglia rossa e alabarda di San Giusto sul petto, la squadra aveva a disposizione una nuova bicilcetta che usci dagli stabilimenti Dal Molin con il nome di "Wilier Triestina" e con una livrea ancora oggi inconfondibile, il ramato cromovelato.

Di questa squadra due i campioni simbolo: uno è Giordano Cottur, non poteva essere altrimenti: triestino di nascita, vince la tappa del Giro d'Italia del 1946 con arrivo proprio a Trieste (classifica ufficialmente neutralizzata perché la corsa fu interrotta da una manifestazione alla quale seguirono disordini. Altro corridore che in quel periodo storico ne indossa la maglia è Fiorenzo Magni ( ne abbiamo parlato qui a proposito del giro del 1956), che in sella a una Wilier vince il Giro d'Italia del 1948.

Nel 1952 Wilier Triestina è costretta dal calo delle vendite a chiudere e il marchio è ceduto dalla famiglia Dal Molin alla Meccanica Moderna Milano e sopravvive a marchio Wilier una marginale produzione di biciclette e anche di moto.

Potremmo chiamarla "nuova Wilier" quella di Rossano Veneto, dal 1969 infatti i fratelli Antonio e Lino Gastaldello rilevano il marchio Wilier e riprendono la produzione nella cittadina non distante da Bassano Del Grappa. Negli anni seguenti Wilier Triestina si impegna nuovamente nelle competizioni ciclistiche con la Hoonved Mecap del ds Dino Zandegù nel 1979 e poi con la Wilier Selle Italia nel 1981. L'impegno nelle competizioni è discontinuo ma nella storia Wilier sono state moltissime le squadre ad aver utilizzato biciclette Wilier e Wilier come sponsor tecnico. Squadre importanti e storie di cui parleremo.

Importante risorsa per approfondire la storia Wilier la pagina dedicata sul sito www.wilier.it. Immagini tratta dal sito Wilier.

In 1945 the factories suffered an aerial bombardment that damaged them but the end of the hostilities was close and Wilier was ready to start again, in its departments all the phases of the processing took place, from the welding of the steel tubes of the frames to the painting, until the assembly of all the components. In a war-free Italy, but still with the aftermath of the conflict, cycling soon became a myth with the exploits of Coppi and Bartali.

In the second half of the '40' Wilier participated in racing with its own team, the partnership of cycling teams by bicycle manufacturers had already begun with Bianchi, Atala and Legnano. Mario Dal Molin also decided to follow this trend with the collaboration with the Veloce Cub Bassano sports team founded in 1892, then, in 1946, with a team of its own, appears in the cycling of professionals in fact in that year a Wilier team: the red jersey and halberd of San Giusto on the chest, the team had at their disposal a new bike that came out of the Dal Molin factory under the name of "Wilier Triestina" and with a livery still unmistakable today, the coppery chromovelato.

Of this team two champions symbol: one is Giordano Cottur, could not be otherwise: he was born in Trieste and wins the stage of the Giro d'Italia of 1946 with arrival just in Trieste (classification officially neutralized because the race was interrupted by a demonstration).

Another great champion was Fiorenzo Magni, he in saddle of a Wilier won the 1948 Giro d'Italia.

In 1952 Wilier Triestina was forced by the drop in sales to close and the brand was sold by the Dal Molin family to the Meccanica Moderna Milano and a marginal production of bicycles and even motorcycles survived with the Wilier brand.

We could call it "new Wilier" that of Rossano Veneto, since 1969 in fact the brothers Antonio and Lino Gastaldello take over the Wilier brand and resume production in the town not far from Bassano Del Grappa.

In the following years Wilier Triestina again committed itself in cycling competitions with the Hoonved Mecap of the dino Dino Zandegù in 1979 and then with the Wilier Selle Italia in 1981. The commitment in the competitions is discontinuous but in the history Wilier have been many teams to have used Wilier and Wilier bikes as a technical sponsor. Important teams and stories we will talk about.

Letto 493 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Legnano Roma Olimpiade Legnano Roma Olimpiade

    La Legnano è la marca che può vantare più successi nelle gare ciclistiche. Nasce nel 1902 con il marchio “Lignon” che diventerà successivamente Legnano. Il nome Legnano è entrato nel mondo del ciclismo nel 1908, quando Emilio Bozzi fondò la sua azienda "Emilio Bozzi & C". Emilio Bozzi era un grande uomo d'affari e aveva l'idea di produrre biciclette di alta qualità.

    Legnano is the brand that can boast the most success in cycling races. It was born in 1902 under the "Lignon" brand which later became Legnano. The name Legnano entered the cycling world in 1908, when Emilio Bozzi founded his company "Emilio Bozzi & C" based in Milan. Emilio Bozzi was a great businessman and had the idea of ​​producing high quality bicycles. Continue reading english version of this article

  • Vicini Campagnolo 50th Vicini Campagnolo 50th

    Mario Vicini era un campione e poi un grande lavoratore. Fin da piccolo aveva una forte passione per le biciclette e la sua carriera iniziò grazie a un parente che, avvertendo il suo desiderio di praticare questo sport, gli "prestò" una bicicletta.

    Mario Vicini was a champion and then a great worker. From an early age he had a strong passion for bicycles and his career began thanks to a relative who, sensing his desire to practice this sport, "loaned" him a bicycle. Continue reading english version of this article

Altro in questa categoria: « Terzo Raduno Gios Torino