Buon Compleanno Ginettaccio

Buon Compleanno Gino! Nasceva oggi a Firenze, era il 1914, Bartali un corridore eccezionale ma soprattutto una persona eccezionale. Bartali ha usato la sua celebrità e la sua abilità come ciclista per aiutare le persone sotto minaccia di deportazione. Iniziò a praticare il ciclismo agonistico all'età di 13 anni, vinse più di 180 gare, questo rese Bartali un eroe negli anni '30 e '40. 
Happy birthday Gino! Born in Florence on this day  in 1914, Bartali was a great rider but most a beautiful person. Bartali used his celebrity and his skill as a cyclist to help people under threat of deportation or worse. Having started competitive cycling at age 13, he won more than 180 races, making Bartali a local hero throughout the 1930s and 1940s.
Grazie a questa copertura, ha nascosto documenti nel manubrio della sua bici, a volte consegnando fotografie di ebrei che avevano bisogno di carte d'identità falsificate per salvare le loro vite. Ha continuato questo lavoro anche dopo essere stato interrogato e minacciato dagli agenti del governo di Mussolini.

Per la maggior parte dei ciclisti, vincere una gara importante come il Tour de France o il Giro d'Italia rappresenterebbe il coronamento di una carriera sportiva. Per il campione ciclista su strada Gino Bartali, vincere entrambe le gare - tre volte e due, rispettivamente - era solo una parte della sua eredità sia da atleta che da operatore umanitario.
"Il bene è qualcosa che si fa, non qualcosa di cui si parla," diceva. "Alcune medaglie sono appese all'anima, non alla giacca."
Given this cover, he concealed documents in his bike’s handlebars, sometimes delivering photographs of Jews who needed forged identity cards to save their lives. He continued this work even after being questioned and threatened by Mussolini’s government agents.

For most cyclists, winning a major race like the Tour de France or the Giro d’Italia would represent the crowning achievement of an athletic career. For champion road cyclist Gino Bartali, winning both of these competitions—thrice and twice, respectively—was just part of his legacy as both an athlete and humanitarian.

"Good is something you do, not something you talk about," he said. "Some medals are pinned to your soul, not to your jacket."
Letto 136 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Wilier Triestina un gioiello color rame Wilier Triestina un gioiello color rame

    Ci piace riproporre un lavoro di restauro degli amici di Ciclico. Abbiamo parlato di Wilier in questo recente post: "W" come Wilier ora è giusto proporre alcune stupende immagini. La modella è un Wilier ramata del 1988, splendida nel suo abito color rame. Il gruppo C Record con gli iconici freni delta completano la mise. Da non perdere la galleria 

    We like to mirror a work of restoration about our friends of Ciclico. We talked about Wilier in this recent post: "W" as Wilier is now right to propose some beautiful images. The model is a Wilier "ramata" from 1988, splendid in her copper-colored dress. The C Record group with the iconic delta brakes complete the set. See gallery

  • Costruttori: "W" come Wilier Costruttori: "W" come Wilier

    Wilier affonda le sue radici nella storia ed è sicuramente uno dei marchi più apprezzati nel panorama mondiale, l'azienda viene fondata a Bassano Del Grappa agli inizi del novecento da Pietro Dal Molin, questo ne fa uno dei produttori italiani di biciclette in attività ai giorni nostri più longevi.

    Storia della bicicletta ma anche storia dell'Italia intera, in particolare la storia bellica, l'azienda nata come Ciclomeccanica Dal Molin aquista poi il marchio inglese Wilier e durante la prima guerra mondiale è fornitore dei reparti di Bersaglieri. A Pietro dopo la guerra succede il figlio Mario ed è in questo periodo che appare il colore ramato, caratteristico delle biciclette Wilier quanto il marchio stesso.

    Wilier has its roots in history and is certainly one of the most appreciated Italian bicycle brands in the world, the company is founded in Bassano Del Grappa at the beginning of the twentieth century by Pietro Dal Molin, this makes it one of the long-lived manufacturer.

    History of the bicycle but also history of the whole Italy, in particular the war history, the company born as Ciclomeccanica Dal Molin then acquires the English brand Wilier and during the First World War it is supplier of the Bersaglieri departments. After the war Wilier goes to Pietro's son Mario, and it was during this period that the coppery color, so characteristic of Wilier's bikes, appears.

Altro in questa categoria: « Tour de France 2018